Riapre il Bataclan, Sting in concerto a un anno dalla strage

Un blog sulle buone notizie non poteva essere inaugurato in modo migliore. Il Bataclan, storico locale parigino, riaprirà i battenti sabato 12 novembre, a un anno esatto dal drammatico attentato terroristico in cui hanno perso la vita 93 persone. Anche se quella del Bataclan non può essere definita una “bella storia”, la sua riapertura rappresenta una conquista per tutti, è il simbolo di chi non si piega al terrore e tenta di ricostruire una quotidianità distrutta dalla morte. Soltanto per questo, dunque, è una storia “giusta”, che merita di essere raccontata, diffusa e condivisa.

La notizia di un’imminente riapertura del Bataclan era nota ormai da mesi, ma soltanto nella giornata del 4 novembre è arrivata la conferma. Sarà il britannico Sting, ex frontman dei Police, a presenziare all’inaugurazione, dopo un lungo e costoso restauro che ora si avvia alla conclusione. Il cantante ha ufficializzato la notizia sul suo profilo Twitter, facendo subito schizzare l’hashtag #bataclan in cima ai trending topics mondiali.

Come è noto, la sera del 13 novembre 2015 la Francia è stata bersaglio di diversi attentati terroristici, avvenuti in alcuni arrondissement di Parigi e nella regione dell’Île-de-France. La strage più grave si è verificata proprio al Bataclan, un locale costruito a metà ‘800 (dal 1991 riconosciuto come monumento storico dalla legge francese) e che ora ospita concerti rock, pop e spettacoli comici. Quella sera, durante un concerto della band statunitense Eagles of Death Metal, tre terroristi del sedicente stato islamico hanno fatto irruzione nel teatro sparando sulla folla. 93 le vittime, fra cui la ricercatrice italiana Valeria Solesin.

A un anno di distanza, il 12 novembre 2016, Sting accenderà nuovamente la musica al Bataclan, «in primo luogo per ricordare e onorare coloro che hanno perso la vita durante l’attacco di un anno fa, e in secondo luogo per celebrare la vita e la musica che questo storico teatro rappresenta». Il 13 novembre, invece, il Bataclan rimarrà chiuso in omaggio alle vittime, come fanno sapere i gestori del locale attraverso la propria pagina Facebook. Successivamente seguiranno i concerti di Pete Doherty, leader dei Libertines, e del cantante senegalese Youssou N’Dour.

In attesa di conoscere quale sarà la scaletta del concerto di Sting e dunque la canzone di apertura, si può finalmente affermare che sta tornando la musica, al Bataclan. E questa è una buona notizia.

Foto in copertina: Céline from Dublin, Ireland – Bataclan – Paris, CC BY-SA 2.0

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...